192 CONDIVISIONI
Coronavirus
23 Marzo 2020
16:57

Due contagi da Coronavirus in una casa di riposo alle porte di Roma: 60 anziani in isolamento

Due anziani ospiti di una casa di riposo di Nerola, nel territorio della città metropolitana di Roma, sono risultati positivi al Covid 19. Altri sessanta anziani sono ora in isolamento nella struttura, mentre trenta impiegati e sanitari che hanno lavorato all’interno sono in isolamento domiciliare.
A cura di Redazione Roma
192 CONDIVISIONI
Coronavirus
Coronavirus
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Due anziani residenti in una casa di riposo alle porte di Roma, sono risultati positivi al nuovo coronavirus. La struttura di trova nel territorio del comune di Nerola, al confine con la provincia di Rieti. Tutti e sessanta gli anziani ospiti della residenza si trovano ora in isolamento precauzionale, mentre i due contagiati sono stati ricoverati in ospedale. Oltre agli anziani in quarantena sono finiti circa trenta tra impiegati e operatori della casa di riposo "Maria Addolarata", che si trovano in isolamento nelle loro abitazioni: un numero davvero significativo per un piccolo comune di sole 2000 persone, di un'età media molto alta, che ora teme il contagio.

Sabina Granieri, sindaca di Nerola, stamattina si è sentita la telefono con l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato, che segue passo la passo l'emergenza coronavirus sul territorio: "La Asl monitorizza la struttura, oggi si dovrebbero effettuare i tamponi ai pazienti, ai medici che hanno visitato nella struttura e poi, conseguentemente al personale tutto. Lo stesso personale, al momento, è stato posto in isolamento fiduciario, e su questo specifico focus si vedrà poi in seguito come agire".

"Prego la mia cittadinanza di mantenere la calma – ha proseguito la sindaca di Nerola – e di rispettare le norme di sicurezza in vigore". Non è escluso che un hotel possa essere utilizzato per mettere in quarantena ulteriore persone nelle prossime ore nel caso che i numeri del contagio salgano ancora. Non è il primo focolaio che si sviluppa all'interno di una casa di riposo o una casa di cura per anziani, colpendo proprio i soggetti più deboli ed esposti.

192 CONDIVISIONI
26097 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni