Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

I pazienti positivi al coronavirus ricoverati all'ospedale Lazzaro Spallanzani oggi, lunedì 23 marzo sono 223. Di questi 24 si trovano in terapia intensiva e necessitano di supporto respiratorio. Stamattina sono 76 i pazienti trasferiti dall'ospedale presso la porpia abitazione o altre strutture adibite alla sorveglianza, come la città militare della Cecchignola. In giornata si attendono ulteriori dimissioni. Questi i dati aggiornati del bollettino dello Spallanzani diramato dalla Regione Lazio. "Il poliziotto di Pomezia del Commissariato di Spinaceto ricoverato in terapia intensiva dopo aver contratto la malattia, ieri è stato estubato e respira autonomamente" ha comunicato l'Istituto, una notizia che dà speranza. Il poliziotto aveva accusato i primi sintomi della malattia a inizio febbraio. Il figlio del poliziotto, anche lui positivo ma in isolamento a casa, è guarito.

Coronavirus, salgono a 1272 i casi accertati nel Lazio

L'assessorato alla Sanità della Regione Lazio ha reso noto che in settimana avverrà un ulteriore potenziamento degli ospedali del Lazio, con un totale di 600 posti dedicati esclusivamente alla terapia intensiva per accogliere i pazienti gravi affetti da CoVid-19, in attesa dell'arrivo del picco dell'epidemia, previsto nei prossimi giorni. Salgono a 1272 i casi accertati di coronavirus nel Lazio. Il bollettino della Regione Lazio registra un aumento di +193 positivi nella giornata di ieri, 3 morti e 158 guariti. Tra le vittime ci sono un ottantunenne di Fondi, città da quattro giorni sottoposta ad autoisolamento con divieto di entrata e uscita per i numerosi casi registrati ed Emanuele Renzi, il paziente più giovane finora deceduto nel Lazio, senza patologie pregresse.