2.922 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Marzo 2020
18:51

Autisti autobus non apriranno più porta anteriore: si sale e scende solo da dietro

Lo ha deciso Atac in seguito all’aumentare delle misure di sicurezza per l’allerta coronavirus. L’autista del bus non aprirà più la porta anteriore (a meno che non si verifichino situazioni di emergenza), i passeggeri potranno utilizzare quella centrale e posteriore. Se in altri posti mantenere la distanza di un metro è fattibile, così non è per chi viaggia sui mezzi pubblici.
A cura di Natascia Grbic
2.922 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Da lunedì non si potrà più salire sull'autobus utilizzando la porta anteriore del mezzo. Lo ha comunicato Atac in seguito all'aumentare delle misure di prevenzione per contenere il contagio da coronavirus. "Il personale di guida, salvo casi di emergenza, non aprirà la porta anteriore delle vetture per le quali non è disponibile l'accesso separato alla cabina guida. Sarà consentito l'utilizzo della porta centrale e/o posteriore. La misura rimarrà operativa fino al termine dell'emergenza sanitaria", dichiara l'azienda capitolina in una nota. Tutto il personale Atac è già stato dotato di flaconi igienizzanti, mentre dal 25 febbraio sono in corso attività di potenziamento dei livelli di igienizzazione degli autobus, presi ogni giorno da migliaia di persone. Se in altri luoghi della capitale è infatti possibile mantenere la distanza di un metro consigliata dal Decreto approvato dal Consiglio dei ministri, ciò non è possibile sui mezzi pubblici, spesso strapieni.

Coronavirus, 75 casi positivi nel Lazio

Secondo le ultime informazioni fornite dalla Regione Lazio, sono 75 i casi positivi nel Lazio. 43 sono le persone ricoverate all'ospedale Spallanzani, mentre otto sono le persone che si trovano in terapia intensiva. 21, invece, sono in isolamento domiciliare. Al fine di limitare il contagio e la diffusione del virus, la Regione Lazio ha emanato un vademecum con sette regole da seguire, a cui si è aggiunto poi il Decreto del Consiglio dei ministri. È notizia di oggi che è risultato positivo al coronavirus anche il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. In un video su Facebook ha spiegato di stare bene, adesso si trova in isolamento domiciliare.

2.922 CONDIVISIONI
31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni