Maxi-operazione della Polizia in bar e ristoranti della Capitale: blatte vive e morte miste a sporcizia e diversi chili di prodotti alimentari potenzialmente pericolosi per la salute, nei locali ispezionati, che sono stati così sanzionati. Questo il bilancio dei controlli effettuati dagli agenti del Commissariato Colombo assieme al personale della Polizia Locale di Roma Capitale, tecnici dell'Azienda Sanitaria Locale e della Società Italiana degli Autori ed Editori in alcuni locali dell'Urbe Eterna.

In un primo ristorante di via Ostiense, gli uomini del commissariato diretto dal capitano Isea Ambroselli, hanno scoperto pessime condizioni igienico-sanitarie: numerose blatte vive e morte, sporcizia ovunque, ruggine e mancanza di lavamani tra i riscontri più gravi. Un livello tale che il locale era pericoloso per la salute pubblica, ed i poliziotti hanno dovuto disporne la chiusura fino ad avvenuta, e documentata disinfestazione.

In un altro ristorante in zona, che funge anche da cocktail bar, i poliziotti del commissariato Colombo hanno invece scoperto decine di chili di prodotti alimentari totalmente privi di etichettatura e tenuti nei congelatori senza confezionatura, che sono stati posti così sotto sequestro, cui seguirà la distruzione. Si tratta di prodotti surgelati di vario tipo e pari a sessantadue chilogrammi, tenuti in alcuni congelatori ma senza alcuna confezionatura e senza alcun documento che ne certificasse la provenienza o l'origine: per queste violazioni sulla normativa della tracciabilità, che è obbligatoria per qualunque tipo di alimento, il titolare è stato anche sanzionato con 1.500 euro di multa.