Un fiore bianco sul suo banco di scuola per ricordare Antonio, il bimbo di 11 anni morto giovedì mattina a causa di un malore mentre si trovava bloccato in macchina nel traffico di via Cristoforo Colombo, a Roma. È il pensiero che gli insegnanti e i compagni di scuola hanno voluto dedicare ad Antonio Bertoni, che fino a pochi giorni fa occupava quel banco nella classe IV E della scuola Tullia Zevi di Casal Palocco. Sul banco del bimbo, morto davanti agli occhi della madre Ioana, della zia e di centinaia di altri automobilisti, è stata posta una pianta con una grande calla bianca: la dirigente scolastica ha spiegato che i piccoli alunni la cureranno in segno di affetto per il loro compagno di classe che non c'è più. Tanti i messaggi e i disegni che gli altri bambini hanno scritto e realizzato per Antonio: "Ti volevo un bene infinito", ha scritto una compagna, mentre un altro ha promesso: "Continueremo a giocare insieme".

Sulla salma del bimbo è stata disposta l'autopsia

Per i bambini è difficile capire perché Antonio non sia più tra loro a studiare e giocare: spetta adesso agli adulti cercare di trovare una risposta, per quanto possibile, a una tragedia avvenuta in circostanze molto particolari. Giovedì mattina Antonio, in auto assieme alla madre e alla zia, si stava recando all'ospedale San Camillo per farsi visitare da un allergologo. Il bimbo soffriva da tempo di crisi respiratorie. Mentre l'auto era bloccata nel traffico, all'altezza di via Wolf Ferrari Antonio è stato colto da un malore improvviso. Madre e zia hanno accostato e chiesto aiuto agli altri automobilisti incolonnati. L'ambulanza, stando a quanto ricostruito finora, è arrivata nel giro di circa sei minuti, scortata dai vigili del fuoco che le hanno aperto un varco tra le auto in coda. Per Antonio, però, nonostante i tentativi di rianimarlo, non c'è stato niente da fare: sarà l'autopsia, prevista probabilmente lunedì, a dover dare delle risposte sulle cause della morte del bambino.