Elezioni Comunali

Domenica 9 giugno dalle 7 alle 23 i cittadini del Comune di Monterotondo si recheranno alle urne per eleggere il nuovo primo cittadino. Il nome uscirà dal testa a testa tra Simone di Ventura, candidato sindaco per il centrodestra, e Riccardo Varone, esponente messo in campo dal centrosinistra. Si tratterrà dell'ultima tornata delle elezioni comunali. Diversamente dal primo turno al ballottaggio si voterà esclusivamente per il candidato sindaco, senza poter esprimere preferenze di altro tipo. Le urne saranno aperte dalle 7 alle 23, con i cittadini che non potranno votare qualora dovessero presentarsi alle urne sprovvisti di tessera elettorale. Il ballottaggio sarà vinto dal candidato che otterrà la maggioranza assoluta dei voti, vale a dire il 50% più uno delle preferenze espresse dai votanti.

Come e quando si vota a Monterotondo

I cittadini di Monterotondo si recheranno alle urne per eleggere il nuovo primo cittadino domenica 9 giugno dalle 7 alle 23. Per votare sarà necessario recarsi nella propria circoscrizione muniti di tessera elettorale e di documento d'identità. Le regole per le votazioni al ballottaggio sono diverse rispetto alle regole del primo turno delle elezioni comunali. Il ballottaggio sarà vinto dal candidato sindaco che otterrà la maggioranza assoluta dei voti, vale a dire il 50% più uno delle preferenze. Qualora nessuno dei due candidati sindaco dovesse ottenere la maggioranza assoluta dei voti sarà indetto un ulteriore ballottaggio a 15 giorni di distanza dal primo. Per quanto riguarda la composizione del Consiglio Comunale le liste collegate che supereranno il 40% dei voti otterranno il 60% dei seggi, a meno che nessun'altra lista di coalizione riesca a superare il 50% dei voti. I seggi rimanenti verrano divisi tra le altre liste proporzionalmente ai voti ottenuti.

Cosa fare in caso di smarrimento o deterioramento della tessera elettorale

Per poter votare è necessario presentarsi al seggio della propria circoscrizione muniti di tessera elettorale. In caso di deterioramento, smarrimento o furto della tessera elettorale il cittadino potrà richiederne un duplicato previa domanda all'ufficio Elettorale su modulo prestampato, disponibile presso l'ufficio stesso. Nel caso in cui la tessera fosse deteriorata, il cittadino dovrà riconsegnare quella in suo possesso. Qualora fosse stata rubata o smarrita, il cittadino compila compila e sottoscrive presso l'Ufficio Elettorale una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, che sostituisce la denuncia ai Carabinieri o agli uffici della Polizia di Stato. Il rilascio del duplicato della tessera è immediato.

Chi sono i candidati sindaco a Monterotondo

Simone Di Ventura e Riccardo Varone sono i due candidati sindaco che domenica 9 giugno si contenderanno al ballottaggio la poltrona di primo cittadino del Comune laziale. Al primo turno Varone si è affermato davanti a tutti, portando a casa il 45% dei consensi grazie all'aiuto delle sue otto liste: Partito Democratico, Demos, I Progressisti, Voglio vivere così, La Rete Civica, + Europa, Italia in Comune Verdi, Sinistra per Monterotondo. Alle sue spalle si è classificato proprio De Ventura, con il 37% delle preferenze grazie al supporto delle liste Lega Salvini, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Monterotondo bene comune, Nuova Eretum, Alternativa civica e Futuro Comune.

Chi è Simone Di Ventura, candidato sindaco a Monterotondo

Simone Di Ventura è il candidato sindaco per il centrodestra unito a Monterotondo e ha fondato la propria campagna elettorale sia sulla valorizzazione del territorio che sul turismo locale. Nel 2018 ha conseguito la laurea in giurisprudenza e da futuro avvocato, ha portato avanti con passione il proprio interesse per la politica, raggiungendo il 37% dei consensi grazie al supporto delle liste a lui collegate.

Chi è Riccardo Varone, candidato sindaco a Monterotondo

Riccardo Varone è il principale esponente del centrosinistra unito al Comune di Monterotondo e durante la prima tornata elettorale ha sfiorato il 50% dei consensi. Dato per favorito alla vigilia è stato a lungo assessore alla Cultura sotto la giunta presieduta dall'ex sindaco Mauro Alessandri. Ha fondato la sua campagna elettorale sui valori dell'integrazione attraverso la crescita delle strutture della città.

Come è andata al primo turno delle elezioni comunali a Monterotondo

Simone Di Ventura e Riccardo Varone sono i due principali candidati usciti dal primo turno di domenica 26 maggio, lasciandosi alle spalle i loro rivali di tanti punti percentuale. Tra gli ex papabili sindaco quello che si è avvicinato maggiormente alle loro statistiche è Alberto Pagliuca, esponente del Movimento 5 Stelle che ha raggiunto il 16% delle preferenze. Tutti gli altri candidati hanno incassato meno del 2% dei consensi, con Mauro Iacchetti di Rifondazione Comunista e Stefano Cirone di Potere al Popolo che hanno rispettivamente ottenuto l'1,16% e lo 0,87% dei voti.