Spacciava droga ed era uno dei seguaci del clan Triassi di Ostia a Roma. Era riuscito a sfuggire all'arresto durante il blitz di ottobre scorso, che ha consentito di disarticolare uno dei gruppi criminali più potenti e strutturati del litorale romano, che operava nell'ambito del narcotraffico. I carabinieri di Ostia oggi, martedì 19 febbraio, hanno arrestato un pericoloso latitante, rintracciato dopo mesi di ricerche e duro lavoro. Al termine delle operazioni di polizia, l'uomo è stato portato in manette nel carcere di Pistoia, deve rispondere del reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di un 45enne di origini cilene che, riuscito a sfuggire alle operazioni di quattro mesi fa, se n'era andato dal Lazio, nascondendosi a Pistoia, in Toscana. Aveva scelto come rifugio una cittadina tranquilla, dove non desse nell'occhio e dove credeva di trovarsi al sicuro, passando inosservato, contando sul fatto di essere sconosciuto alle forze dell'ordine del posto e di non destare sospetti.

Arrestato pericoloso latitante

Ma i militari di Ostia, a seguito di una complessa attività investigativa, lo hanno localizzato e catturato, ponendo fine alla sua libertà. Su di lui pendeva anche un altro ordine di cattura emesso dal Tribunale di Roma, a seguito della violazione degli arresti domiciliari cui era stato sottoposto, misura restrittiva che non aveva rispettato. Al momento dell'arresto, inoltre, l’uomo è stato trovato in possesso di un documento di identità falso, evidentemente utilizzato per muoversi liberamente ed eludere gli eventuali controlli delle forze dell'ordine, qualora lo avessero fermato chiedendogli le proprie generalità.