Virginia Raggi
in foto: Virginia Raggi

Andrea Camilleri, morto ieri all'età di 93 anni, potrebbe ricevere la cittadinanza onoraria di Roma. È un'idea su cui sta ragionando la giunta capitolina e la sindaca Virginia Raggi oggi, all'uscita del Cimitero Acattolico di Roma dopo l'ultimo saluto allo scrittore siciliano, ha dichiarato: "Cittadino onorario? È una proposta che è stata avanzata e su cui stiamo ragionando. Non solo Roma ma tutta l'Italia piange in questo momento la perdita di Andrea Camilleri. Per Roma è comunque un grandissimo onore poter accogliere le sue volontà. Il fatto che sia rimasto qui per noi e' sicuramente un momento di grande importanza. Sappiamo che tutti passeranno di qui per rendergli omaggio. Lui è stata una persona eccezionale, che ci ha saputo accompagnare e farci capire meglio la natura umana, farci fare qualche domanda in più su noi stessi e sugli altri", le parole della prima cittadina.

L'ultimo saluto a Camilleri al cimitero acattolico di Testaccio

In tantissimi oggi hanno reso omaggio al maestro scomparso, la cui tomba è al cimitero acattolico di Testaccio, a Roma. Migliaia di romani hanno portato fiori, regali e messaggi scritti a mano. "Qui avrà tanti compagni con cui parlare", ha detto la figlia dello scrittore stringendo la mano alla sindaca Raggi. "Grazie per averlo lasciato qui a Roma, questo diventerà un luogo di pellegrinaggio. Credo il Maestro che abbia segnato la vita di tutti noi", ha risposto la prima cittadina. Presenti, oltre a Raggi, anche la deputata Laura Boldrini e il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, che ha dichiarato: "Mi manca. Sapere che non c'è più non è una bella sensazione. Sto discutendo con il sindaco di Porto Empedocle che cosa fare per il 6 settembre  perché manca l'intellettuale, la persona libera e che non te lo mandava a dire, quello che ti diceva cose che ti piacevano e che non ti piacevano, ma quando parlava aveva una rettitudine morale che non è così comune trovare".