Dal 20 gennaio cominceranno i lavori alla Galleria Giovanni XXIII, che dureranno, se tutto procederà per il meglio, 75 giorni (e quindi termineranno ad aprile. Si tratta solo della prima parte). I lavori saranno in concomitanza con quelli già annunciati su via Aurelia e per questo molti residenti sono preoccupatissimi per le ripercussioni sul traffico e hanno lanciato una petizione per chiedere di posticipare l'intervento. "Una buona notizia per la città e per chi percorre ogni giorno la Galleria Giovanni XXIII, arteria fondamentale nel quadrante nord ovest di Roma. Per la prima volta verrà riqualificata: sarà rifatto l'asfalto in tutto il tratto di 3 km e si migliorerà la visibilità", ha annunciato la sindaca Virginia Raggi. "Si tratta di un lavoro mai fatto prima, da quando la galleria è stata inaugurata nel 2004. Il primo intervento inizierà il 20 gennaio con la chiusura completa della "canna nord" in direzione Pineta Sacchetti. Saranno ripristinate le barriere di sicurezza danneggiate, puliti e sostituiti i pannelli interni con l'obiettivo di potenziare l'illuminazione a led. Sarà riqualificata, anche, la segnaletica orizzontale e verticale per rendere ancora più visibili gli svincoli per gli automobilisti all'interno della galleria. Sarà effettuata una verifica di tutto il sistema di smaltimento dell'acqua delle piogge. I lavori nella prima parte avranno una durata di 75 giorni circa. Abbiamo scelto di chiudere a fasi alterne i due tratti per velocizzare le operazioni e già in questi giorni stiamo preparando dei cartelli informativi.  Successivamente, sarà realizzato il tratto della "canna sud" in direzione Stadio Olimpico-Salaria", ha aggiunto la sindaca.

La petizione dei cittadini per chiedere un rinvio

Come anticipato, alcuni cittadini hanno lanciato una petizione per chiedere di rinviare i lavori all'estate "evitando la congestione del traffico nel quadrante nord della Capitale, o creare un doppio senso di marcia nella ‘canna' che rimarrà aperta. Sappiamo tutti l'importanza di questo tratto di Galleria che permette di smaltire il traffico su via trionfale, via della Camilluccia, via Cortina d'Ampezzo. La chiusura oltretutto sarà in concomitanza di lavori ingenti anche su via Aurelia all'altezza della stazione Aurelia creando una situazione di vera emergenza che riguarderà tutto il quadrante Nord-ovest di Roma, situazione che creerebbe problemi anche per il raggiungimento di importanti Pronto Soccorso della Capitale". La petizione è stata già firmata da quasi 4mila cittadini.