Una strada dedicata a Pamela Mastropietro, la giovane romana assassinata a Macerata in circostanze tutt'ora poco chiare, ed il cui corpo è stato ritrovato in due trolley sul ciglio di una strada, nelle campagne di Pollenza, poco distante dal comune marchigiano. La decisione del comune di Roma è arrivata all'unanimità: ora toccherà scegliere quale strada, piazza o spazio pubblico dedicare alla giovane.

La mozione chiedeva in primis di derogare la norma che prevede che passino almeno dieci anni dal decesso di una persona per l'intitolazione di una strada. Al momento dell'approvazione, era presente anche Marco Valerio Verdi, zio di Pamela ed avvocato, che sta fungendo da difensore nel processo in corso. Si terrà invece il prossimo 13 aprile alle 19 la fiaccolata in memoria della giovane, sempre nella Capitale.

"Ringrazio il sindaco Raggi che rispondendo all'appello di Giorgia Meloni ha consentito che la sepoltura avvenisse al cimitero del Verano", ha spiegato Francesco Figliomeni, consigliere per Fratelli d'Italia e primo firmatario della mozione, "Ora chiediamo che il sindaco si faccia promotore verso il prefetto per portare avanti l'istanza di intitolazione di una strada a Pamela Mastropietro, dopo aver già dimostrato la sua attenzione sulla vicenda e per questo la ringraziamo pubblicamente, poiché su questi temi non ci può essere divisione politica". Francesco Figliomeni ha poi aggiunto che "per il gesto di Firenze in cui ha perso la vita un cittadino senegalese, e che noi condanniamo esprimendo vicinanza alla famiglia, si sono levati scudi e hanno sfilato sindaci, mentre non capiamo", ha concluso, "perché non ci sia la stessa attenzione, anche mediatica, per il caso di Pamela Mastropietro. Auspichiamo con questo atto di dare un po' di pace e serenità alla famiglia".