Musei aperti tutti i primi giovedì del mese da maggio a settembre. A Roma, nell'ambito dell'iniziativa #iovadoalmuseo promossa dal Mibac, le Gallerie Nazionali di Arte Antica Palazzo Barberini e Galleria Corsini, partecipano al programma e saranno aperte gratuitamente giovedì 6 giugno. Oltre alle esposizioni permanenti si potrà assistere alle mostre "Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti" a Palazzo Barberini, "Vasari per Bindo Altoviti. Il Cristo portacroce" e "Robert Mapplethorpe. L'obiettivo sensibile" alla Galleria Corsini. Le altre giornate con ingressi gratuiti saranno le prime domeniche di ottobre, novembre e dicembre. In più una data aggiuntiva: il 29 giugno.

A Palazzo Barberini i capolavori del ‘700

Ad attendere i fruitori della giornata ad ingresso gratuito promossa dal Mibac ci sarà un nuovo allestimento dei capolavori del Settecento a Palazzo Barberini, nell'Ala sud del piano nobile del Palazzo. Ben 10 sale riallestite con circa 78 opere per lo più dedicate alla collezione settecentesca delle Gallerie: ritratti e vedute realizzati dai pittori del Grand Tour e i dipinti della donazione Lemme. In più si potrà assistere alla mostra  "Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti" a pochi giorni dalla sua chiusura, il 16 giugno. Il focus dell'esposizione ruota intorno all’opera recentemente restaurata, "Allegoria dei cinque sensi", realizzata dai due fratelli Mattia e Gregorio Preti. Altre undici opere completeranno il percorso sui due artisti calabresi, mostrando per la prima volta al pubblico anche alcuni dipinti inediti di Mattia Preti. Palazzo Barberini sarà aperto dalle 8.30 alle 19.00 con ultimo ingresso alle ore 18.00.

Le due mostre a Galleria Corsini

Alla Galleria Corsini ci saranno due mostre interessanti: "Vasari per Bindo Altoviti. Il Cristo portacroce" e "Robert Mapplethorpe. L'obiettivo sensibile". Nel primo caso i visitatori potranno vedere per la prima volta dal vivo un capolavoro assoluto di Giorgio Vasari, uno degli ultimi realizzati a Roma nel 1553 prima della partenza dell'artista verso Firenze. L'esposizione su Robert Mapplethorpe, "Robert Mapplethorpe. L'obiettivo sensibile", raccoglie, invece, 45 fotografie che sintetizzano l'opera dell'artista, un controverso maestro del secondo Novecento. Un percorso inconico attraverso le tematiche che lo contraddistinsero e le mille suggestioni che ne ispirarono le creazioni: dalle nature morte ai paesaggi, dalla statuaria classica alla composizione rinascimentale. La fascia oraria della Galleria Corsini andrà dalle 8.30 alle 19.00 con ultimo ingresso alle ore 18.30.