Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Una scena quasi da film quella vista sul viale Appio Claudio, la lunga arteria nella zona sud-orientale di Roma che dalla via Appia arriva fino al quartiere omonimo, a ridosso di Cinecittà. Un trentacinquenne, dopo aver rubato un'automobile, ha infatti tentato la fuga forzando anche un posto di blocco per poi tentare di seminare i carabinieri con una corsa spericolata, danneggiando anche altre automobili ma finendo poi per essere arrestato dalle forze dell'ordine.

E' accaduto nel pomeriggio di ieri, venerdì 11 gennaio: i carabinieri hanno notato il trentacinquenne, risultato poi essere un nomade domiciliato presso l'insediamento di via Candoni e già noto alle forze dell'ordine, a bordo di un'automobile di lusso, ed hanno optato per un controllo. L'uomo però ha subito accelerato, per sottrarsi al controllo e tentare di seminare la pattuglia, ed è partito l'inseguimento nel quartiere Statuario, fino ad arrivare su via Appio Claudio. Lungo la folle corsa, l'uomo ha anche colpito e danneggiato alcune automobili parcheggiate, fortunatamente senza causare feriti. La sua corsa è terminata nei pressi del Parco dell'Acquedotto: a quel punto ha provato a scappare a piedi, ma i carabinieri lo hanno raggiunto e, alla fine, arrestato nonostante un ultimo disperato tentativo di resistenza. Dai controlli, è emerso che l'automobile era stata rubata il giorno di Natale, in zona Esquilino: al suo interno, anche arnesi da scasso. L'uomo, dopo le formalità di rito, è stato così portato in caserma nelle celle di sicurezza, in attesa del rito per direttissima.