Si sono presentati in 1750 per 40 posti da infermiere al Policlinico Umberto I. La prova avrebbe dovuto avere luogo alle 16 di oggi – giovedì 13 luglio – all'hotel Ergife di Roma, a ridosso del Grande Raccordo Anulare, ma il concorso è stato annullato per la seconda volta consecutiva (la prima era stata lo scorso 14 aprile), ma questa volta la comunicazione è arrivata proprio a ridosso dell'inizio del test, un paio d'ore e non un paio di giorni prima.

Così in centinaia, molti dei quali provenienti da fuori città, si sono ritrovati fuori la struttura ad apprendere la notizia con sconcerto. Rabbia e caos fuori dall'hotel dove ai candidati è stato spiegato che il loro era stato un viaggio a vuoto, per la disposizione dei magistrati amministrativi, che hanno deciso lo spostamento a dopo il 27 luglio, data in cui si terrà "la discussione collegiale in camera di consiglio".

Ordine infermieri: "È una beffa"

Sull'episodio è arrivato il duro commento dell'Ordine degli infermieri: "Siamo sconcertati per quanto avvenuto oggi", ha detto la presidente del collegio Ipasvi di Roma e Provincia, Ausilia Pulimeno: "Si tratta del secondo stop in pochi mesi che la giustizia amministrativa impone al concorso in attesa di decidere nel merito sul ricorso presentato da un piccolo gruppo di concorrenti esclusi – ha sottolinea Pulimeno -. Ancora una volta i colleghi che arrivano da lontano, tanti anche dall'estero, si sobbarcano un lungo e costoso viaggio per partecipare a questo concorso. Abbiamo appreso solo poche ore prima dell'inizio che la prova scritta è stata sospesa e che il Consiglio di Stato ha fissato la Camera di Consiglio il prossimo 27 luglio per la decisione di merito. Dopo un'attesa durata anni, il ripetersi di questi rinvii ha il sapore della beffa".

Dopo la notizia della sospensione, i candidati, delusi e arrabbiati, hanno bloccato l'Aurelia per protesta: per alcuni minuti si sono registrati disagi alla circolazione e caos nella zona, paralizzata. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Locale del Gruppo Aurelio, che hanno chiesto l'intervento delle forze dell'ordine per ragioni di ordine pubblico. La strada è stata poi riaperta poco prima delle 18.