Matteo Salvini, Virginia Raggi
in foto: Matteo Salvini, Virginia Raggi

Oggi come ieri. Ormai praticamente un appuntamento quotidiano. Matteo Salvini batte, Virginia Raggi risponde. A colpi di accuse reciproche. L'impressione è che andrà avanti così fino al 19 ottobre, giorno in cui la Lega ha organizzato una manifestazione a Roma per chiedere, tra le altre cose, anche le dimissioni della prima cittadina. È partita la raccolta firme, è stata depositata ufficialmente una mozione di sfiducia, Salvini ha partecipato a un sit in Campidoglio, ma non manca, praticamente ogni giorno, di rimarcare l'incompetenza, a suo dire, di Raggi.  "Virginia, fatti da parte. I romani meritano di meglio, non la calamita' naturale che, politicamente, ti sei dimostrata", ha detto il leader leghista nel corso di un'intervista a TgCom. La sindaca non ci ha messo molto tempo a replicare: "Matteo Salvini, con noi sono aumentate le multe a chi sale su bus e metro Atac senza biglietto. Quando governavate voi a Roma c'era l'anarchia, Mafia Capitale e si facevano solo debiti. Noi i fatti, tu le chiacchiere". Uno pari.

Le accuse reciproche tra Raggi e Salvini

Salvini risponde ancora, stavolta su Twitter: "Scopro con stupore dal sindaco di Roma che avrei governato la città senza nemmeno accorgermene. Raggi dica ai romani se a Copenaghen è andata in gita o per capire come si smaltiscono i rifiuti. Ps: per info su Mafia Capitale Raggi si rivolga ai suoi nuovi alleati del Pd". Ultima parola, per ora, alla prima cittadina, che controreplica da Copenaghen con tanto di foto insieme all'ex vice presidente degli Stati Uniti, Al Gore:  "Io agli appuntamenti internazionali mi presento. Se anche il nostro ex ministro dell'interno avesse partecipato ai summit europei ne sarei stata fiera. Oggi a Copenaghen con Al Gore e 70 sindaci di tutto il mondo. Roma e l'Italia ci sono". Ieri il botta e risposta quotidiano fra Raggi e l'ex ministro dell'Interno verteva sull'inchiesta delle Iene in merito alla raccolta dei rifiuti degli esercizi commerciali, con la sindaca che rispondeva così: "Direi anche a te ‘dimettiti' ma da cosa? Non hai mai lavorato in vita tua. Salvini chiacchierone. Giù le mani da Roma".