"Dammi 10mila euro oppure pubblico le tue foto nudo sul web". Minacce ed estorsioni di denaro: per questo motivo un ragazzo di 29 anni residente a Roma è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Trento e messo agli arresti domiciliari. L'accusa per lui è di estorsione. Il 29enne aveva pubblicato un annuncio su un sito di incontri online usando uno pseudonimo e non il suo vero nome. Il suo profilo aveva attirato un ragazzo di Trento, con il quale aveva iniziato a chattare. E dopo poco ha catturato tutta la sua attenzione e fiducia, al punto da convincerlo a farsi mandare delle sue foto nudo. Il trentino non credeva di avere di fronte un ricattatore che aveva deciso sin da subito come sarebbero andate le cose tra loro: e così, qualche giorno dopo l'invio delle immagini, è stato contattato con una richiesta allarmante. Il 29enne di Roma voleva 900 euro caricati su una postepay: altrimenti avrebbe pubblicato le sue foto nudo.

Ricatta ragazzo conosciuto in chat, arrestato 29enne

Il ragazzo di Trento, preoccupato che le sue foto nudo diventassero di dominio pubblico, ha pagato i 900 euro al ricattatore versandola sulla postepay registrata con un nome fittizio. Le richieste di denaro non si sono però fermate, anzi: sono diventate sempre più insistenti e onerose. Un incubo che non aveva mai fine. Ma quando il 29enne ha chiesto che sulla postepay fossero versati 10mila euro, ha deciso di dire basta al ricatto e si è presentato in questura per sporgere denuncia. Le indagini della Squadra Mobile di Trento sono state veloci e in pochi giorni gli investigatori sono riusciti a risalire alla vera identità del 29enne romano. Nel corso della perquisizione è stato sequestrato un telefono cellulare e la postepay usata per ricevere il denaro.