Rischia una condanna a sette anni e sei mesi di carcere per violenza sessuale un babysitter filippino ritenuto responsabile di aver abusato sessualmente di una bimba di sei anni a Roma. Una pesante accusa dalla quale l'uomo, un 45enne, ha dovuto renderne conto davanti ai giudici in sede di processo, in attesa della sentenza che arriverà il prossimo 29 luglio. I fatti risalgono al 2018 e si sarebbero svolti tra i mesi di maggio e luglio. Secondo quanto riporta IlMessaggero.it i genitori della piccola avevano deciso di affidarla all'uomo, che per lavoro si occupava del condominio nel quale vivevano. Gli avevano chiesto se potesse guardare la loro figlia come babysitter, e occuparsi di lei mentre mamma e papà erano fuori casa per lavoro o per impegni vari. L'uomo aveva accettato e da qualche tempo si prendeva cura della bambina, prima che accadessero i presunti episodi di violenza segnalati.

Bimba di sei anni abusata sessualmente dal babysitter

Le indagini condotte dalla Procura sarebbero partite da una denuncia presentata dai genitori per alcuni presunti sospetti nei confronti dell'uomo del quale si erano fidati e al quale avevano dato in custodia la loro bambina e a volte anche il fratellino. La piccola è stata ascoltata in un'audizione protetta, sotto l'a supervisione di uno psicologo, durante la quale è emerso che l'uomo quando si trovava in sua presenza ed erano soli nell'abitazione di famiglia, la palpeggiasse. Ciò avveniva soprattutto quando era l'ora della nanna e il 45enne la preparava per dormire. Pare che l'avesse toccata nelle parti intime, infilandole le mani sotto al pigiamino.