foto di repertorio
in foto: foto di repertorio

"Lasciami sotto casa di mio padre a Policlinico. Ti ho detto di lasciarmi sotto casa di mio padre, se non lo fai tu, lo faccio da solo", ha urlato un ragazzo di 21 anni al conducente di un bus notturno della linea N2 di Atac. Il giovane ha prima aggredito l'autista e poi ha tentato di mettersi lui stesso alla guida del mezzo. Stando a quanto riportano Leggo e Corriere della Sera, l'episodio sarebbe accaduto all'alba di ieri a Roma, zona Marconi. Il 21enne sarebbe salito alla fermata Rebibbia, probabilmente ubriaco, e avrebbe cominciato a inveire contro l'autista chiedendogli di lasciarlo sotto casa del padre anche se l'autobus non effettuava quella fermata.

Completamente fuori controllo, il ragazzo ha aggredito anche i carabinieri al loro arrivo. I militari sono riusciti a bloccarlo e lo hanno accompagnato in caserma con l'accusa di violenza a incaricato di pubblico servizio, violenza privata, tentata rapina e interruzione di pubblico servizio. Il giovane sarà processato con il rito direttissimo. L'episodio è accaduto all'altezza di via Valco San Paolo, zona Marconi, dopo molti minuti che il ragazzo era salito e dopo che probabilmente si era dimenticato di scendere alla fermata più vicina a casa.