"Sei troppo lento!". Questo il motivo per cui un uomo di 58 anni, dipendente di un panificio a Pomezia, ha accoltellato il collega di lavoro, un 47enne di origine romena che conosce da diversi anni. È accaduto a Pomezia, in un negozio molto frequentato nel centro cittadino. Dopo essere stato ferito con un fendente al braccio, la vittima è corsa fuori dal panificio, cercando di salvarsi dalla furia del collega, agitato dalla lite che avevano appena avuto. Dopodiché scalzo, e ancora sporco di farina, è andato dai carabinieri per denunciare quanto accaduto. Dopo aver spiegato ai militari i fatti, è stato portato in ospedale al Sant'Anna, dove ha ricevuto le cure del caso.

Non è chiaro perché l'uomo abbia accoltellato il collega per quel futile motivo. L'aggressore, un 58enne che da anni lavora nel panificio di Pomezia, è stato rintracciato dai carabinieri che lo hanno identificato con facilità vista la profonda conoscenza che lo lega alla vittima. Portato in caserma, è stato denunciato a piede libero per aggressione aggravata dall'utilizzo di arma da taglio, mentre il suo collega ha ricevuto una prognosi di quindici giorni dal pronto soccorso a causa della ferita. Il tutto si è svolto intorno alle 12.15 e non è ancora noto se i due fossero da soli al momento dell'aggressione oppure in presenza di altri collaboratori o clienti. Né si ha notizia di particolari dissidi tra i due avvenuti prima di quel giorno. Soprattutto non si sa adesso come i due riusciranno a lavorare ancora insieme.