Vittorio Sgarbi ha ribadito la sua intenzione di ospitare Morgan a casa sua a Sutri. Il sindaco e critico d'arte aveva già annunciato qualche giorno fa la sua disponibilità a offrire una sistemazione all'ex cantante dei Bluvertigo – all'anagrafe Marco Castoldi – sfrattato dalla sua abitazione di Milano proprio nei giorni scorsi. "Abiterà a casa mia – ha detto Vittorio Sgarbi a Realiti, programma su Rai2 – L'artista non è artista solo quando è morto, ma è anche la sua attività da vivo". Insieme al giornalista Enrico Lucci, ha poi chiamato Morgan per dargli la notizia. "Nessuno ha fatto un cazzo per me, tranne Vittorio", ha detto il cantautore. Intanto il cantante ha fatto sapere che ha sporto denuncia verso l'acquirente della sua abitazione: secondo quanto riportato da Morgan, il compratore gli avrebbe chiesto un prezzo spropositato per riavere indietro la casa.

Lo sfratto di Morgan a causa dei debiti con il fisco

Morgan ha lasciato la sua abitazione da qualche giorno, dopo che il primo sfratto era stato rimandato perché il cantante aveva accusato un malore. La casa gli è stata pignorata a causa di alcuni debiti con il fisco e per non aver pagato gli alimenti alle sue ex compagne, da cui ha avuto due bambine. Morgan ha sempre detto di non essere lui il responsabile della situazione ma chi ha gestito in modo fallimentare i suoi risparmi. Non sappiamo come si concluderà questa vicenda, ma per ora l'artista ha dovuto fare le valigie e lasciare la sua dimora. "Sto lavorando per presentare una relazione al MiBAC che riguarda il mio caso: riconoscere la casa di un artista perché attualmente non esistono modalità che la salvaguardino – ha scritto Morgan in un lungo post su Facebook – L'arte è il più grande patrimonio dell'umanità, in assoluto, sia da un punto di vista morale che economico. Gli artisti sono l'unica traccia dell'umanità. Quando parlo del ‘400 parlo di Leonardo, quando parlo del ‘200 parlo di Dante. L' artista è il veicolo per raccontare il mondo. In Italia prevale l'ignoranza. Infine lancio un appello: "Aprite gli occhi! Punire un artista è punire tutti voi perché l'artista incarna i sentimenti dell'umanità".