Raggiungere il traguardo di un secolo in piena emergenza coronavirus. Ladispoli festeggia (idealmente) con messaggi d'affetto e telefonate, Genoveffa D'Auria Augello, da tutti conosciuta come Gina, che oggi compie cento anni. Certo, di un compleanno così questa nonna non ha memoria, nata negli anni Venti del secolo scorso, mentre l'Italia si riprendeva dalla pandemia di Influenza Spagnola, che ha ucciso decine di milioni di persone nel mondo. Genoveffa è siciliana, proveniente da Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, ed è arrivata sul litorale a nord di Roma nel lontano 1952. Una guerra mondiale alle spalle, oggi si trova nuovamente a vivere la storia, costretta a restare chiusa in casa come il resto degli italiani, privata delle sue abitudini per far fronte all'epidemia. Ma dalla sua veneranda età, avendo vissuto in prima persona la rinascita dopo il secondo conflitto mondiale e visto con i suoi occhi l'Italia risollevarsi, la sua speranza per il futuro è forte.

Gli auguri del sindaco di Ladispoli

A dare la nozia del lieto evento, il sindaco di Ladispoli, Alessandro Grando: "Gli auguri sono sinceri e veri, l'abbraccio ed i fiori sono purtroppo solo virtuali" si legge in un post pubblicato su Facebook. "Alla signora Gina vanno gli auguri affettuosi di tutta la Città – ha dichiarato il sindaco Grando – le disposizioni date dal decreto del presidente del Consiglio dei Ministri non mi ha permesso di andarla a trovare, né di poterle inviare un mazzo di fiori, ma lo farò appena sarà terminata questa emergenza. Auguri signora Gina da parte di tutta la città di Ladispoli".