"Solo una folle corsa" avrebbe cantato Lucio Battisti. Una corsa sinonimo di vita, quella di Sergio Molinari. 83 anni, con il sorriso stampato sul volto, ha corso ieri la sua 49esima maratona di Roma. Intorno alla testa si è legato una bandiera dell'Italia, arrivata bagnata all'arrivo per colpa di qualche goccia di pioggia. Il tempo non ha tuttavia fermato i passi dell'anziano corridore, accolto da un'ovazione una volta giunto al traguardo. L'uomo, originario di Frascati, è un simbolo tra i suoi concittadini, a tal punto da essere considerato un eroe sportivo. Una fama che potrebbe portarlo a vestire la fascia da sindaco del suo Comune per un giorno. È la proposta presentata dal consigliere Mirko Fiasco, che a breve si trasformerà in mozione visto l'appoggio popolare. Molinari si prepara dunque a togliere la bandiera tricolore per vestire la fascia da primo cittadino di Frascati, sostenuto da tutti i suoi amici conterranei.

Una corsa lunga una vita

Roma al traguardo ha incoronato l'etiope Tebalu Heyi, ma gli occhi dei passanti erano tutti fissi sul signor Molinari, conosciuto da tutti come "A nicchia", un soprannome con un'origine profonda. Era l'8 settembre del 1943 quando Sergio, come raccontato dal Messaggero, si nascose in una nicchia per il vino cercando di rifugiarsi da un bombardamento americano che provocò la morte di circa 800 civili. Scappò via dalle bombe e dagli aerei: da quel giorno non smise più di correre. Ora Molinari è un simbolo della città tuscolana, ma non solo. La sua fama di corridore anziano ha raggiunto tutta l'Italia, a tal punto che il suo negozio, una sala da parrucchiere, è preso d'assalto non solo da persone desiderose di tagliarsi i capelli, ma anche da podisti provenienti da tutta la Penisola.

Il suo motto

"La corsa illumina la vita", ama ripetere spesso l'anziano corridore. La sua corsa ha di certo illuminato una piovosa Roma che, per qualche istante, ha poggiato gli occhi su un uomo di 89 anni capace di percorrere 42 chilometri con il sorriso. Un uomo che adesso sfiora la fascia da sindaco di Frascati per un giorno, a coronamento di una folle corsa che lo vedrà arrivare sorridente al traguardo.