Disavventura a lieto fine quella di un grosso cane bianco che nella giornata di ieri, sotto la pioggia battente, camminava sul Grande Raccordo Anulare di Roma. Infreddolito e disorientato, non riusciva a capire dove si trovasse e come fare per mettersi al sicuro: tra le macchine che sfrecciavano, il forte temporale e la visibilità ridotta, l'animale si trovava in una condizione di grande pericolo. Non solo per sé, perché rischiava di essere investito, ma anche per gli altri automobilisti, che hanno rischiato di incorrere in qualche incidente per evitarlo. Fortunatamente quella che poteva essere una tragedia si è risolta nel migliore dei modi: il grosso cucciolone è stato avvistato da una pattuglia della Polizia Stradale che alle 13 stava effettuando un servizio di vigilanza sul Grande Raccordo Anulare. Nonostante la scarsa visibilità, gli agenti hanno fermato la volante e messo in sicurezza il cane, spaventato a morte.

Cane salvato dalla polizia, affidato a un veterinario

Il cane bianco fortunatamente camminava tra la prima corsia e quella di emergenza e non in mezzo al Grande Raccordo Anulare. Dopo aver fatto entrare il cane nella volante, i poliziotti hanno guidato fino alla stazione di servizio di Settebagni, dove lo hanno asciugato e sfamato. Da lì hanno chiamato la sala operativa della Polizia Stradale, che ha inviato sul posto un medico veterinario per verificare le condizioni dell'animale. Dopodiché gli è stato affidato per effettuare i controlli consueti sulla provenienza e risalire così al proprietario. Non si sa se il cucciolone sia stato abbandonato o se si sia allontanato da solo dalla sua abitazione, arrivando così fino al GRA. La speranza è che abbia il microchip e sia registrato, così da risalire al padrone.