Una detenuta è evasa dal carcere romano di Rebibbia, nel primo pomeriggio di oggi, venerdì 6 ottobre. La donna è scappata dal settore femminile della casa circondariale di via Tiburtina, nascondendosi tra i parenti dei carcerati e sottraendosi ai controlli. Dalle prime ricostruzioni, sembra si tratti di una cittadina bulgara di 32 anni arrestata su mandato europeo ed estradata dalla Germania per scontare una condanna di quattro anni per rapina e furto. Polizia e carabinieri sono alla ricerca della donna.

Polizia Penitenziaria allo stremo.

"Il sistema penitenziario, per adulti e minori, si sta sgretolando ogni giorno di più – commenta in una nota Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, che giudica denuncia per voce del Segretario Generale Donato Capece – Lo diciamo da tempo, inascoltati: la sicurezza interna delle carceri è stata annientata da provvedimenti scellerati come la vigilanza dinamica e il regime aperto, dall'aver tolto le sentinelle della Polizia Penitenziaria di sorveglianza dalle mura di cinta delle carceri, dalla mancanza di personale".