Tre anni di abusi, vessazioni, minacce e violenze. I maltrattamenti erano diventati così frequenti che una donna residente a Colleferro aveva cambiato completamente il suo stile di vita e le sue abitudini. Per il terrore, a volte, si era fermata a dormire in macchina. L'altro giorno, poteva finire in tragedia: l'ex compagno l'ha prima minacciata con un coltello, poi ha cercato di investirla con la macchina. La donna, infatti, stava cercando di raggiungere i carabinieri per sporgere denuncia contro l'ex compagno che le stava rovinando irrimediabilmente la vita. L'uomo è stato bloccato dai militari della compagnia di Colleferro e arrestato con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. Adesso si trova presso il carcere di Velletri, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Colleferro, arrestato per maltrattamenti 40enne con precedenti penali

Quando i carabinieri hanno interrotto la furia dell'uomo, questi – un 40enne originario della provincia di Labico – aveva ancora in mano il coltello con la lama da tredici centimetri usato per minacciare l'ex compagna. Dopo che lei era riuscita a scappare, aveva provato a raggiungere la caserma dei carabinieri per denunciarlo e porre fine alla spirale di violenza che lui non ne voleva proprio sapere di interrompere. Purtroppo, l'uomo non aveva nessuna intenzione di lasciarla andare dai militari per sporgere denuncia: e così ha preso la macchina, si è messo alla guida e si è lanciato al suo inseguimento, tentando di investirla. Solo per un caso la giornata non è finita in tragedia. La donna adesso sta bene ed è sicura che non vedrà l'ex compagno per un po' di tempo almeno. E sono finiti tre anni di agonie, soprusi, sopraffazioni e violenze fisiche e verbali.