Nel pomeriggio di ieri una donna ha chiamato il 113 in un evidente stato d'agitazione denunciando di essere minacciata di morte da un uomo. Si trovava sotto casa della figlia quando ha incontrato l'ex convivente che, appostato, aspettava che la figlia delle donna tornasse in casa. Alla vista della donna l'uomo ha cominciato ad insultarla e minacciarla con veemenza. I poliziotti, arrivati sul luogo, hanno così accertato come l'uomo avesse avuto una relazione con la figlia delle donna con cui aveva avuto anche una figlia. Qualche tempo la nascita della bimba il loro rapporto si era però irrimediabilmente deteriorato. Inseguito alla separazione l'uomo aveva perso anche il lavoro, sprofondato in uno stato di depressione peggiorato dalla frequentazione troppo assidua con l'alcol.

Arrivati nel cortile gli agenti sono stati aggrediti dall'uomo che, alla richiesta di mostrare i documenti, ha risposto sferrando un pugno in volto ad un poliziotto.  Identificato per D.P., 43enne romano, è stato accompagnato negli uffici del Commissariato Trevi Campo Marzio ed al termine arrestato per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.