Giocattoli, cappelli, teli da mare, cibi e alimenti deperibili, acqua e bibite e migliaia di cover per smartphone. Un'operazione ad ampio raggio, dalle spiagge alle stazioni di Ostia, che ha portato al sequestro di tonnellate di merce pronta a essere venduta illegalmente in strada e tra gli ombrelloni. Gli agenti della polizia locale di Ostia hanno sanzionato i venditori ambulanti con multe per un totale di 200mila euro e hanno sequestrato e distrutto circa quattro tonnellate di articoli. Sono stati effettuati 82 sequestri e sono state identificate 40 persone, tutte di nazionalità bengalese. Attimi di tensione si sono verificati tra agenti e un ambulante, che ha cercato di riprendere la propria merce provando ad aggredire i vigili. I guanti bianchi lo hanno fermato e accompagnato agli uffici di via Capo delle Armi, dove l'uomo è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

La Polizia Locale, si legge nel comunicato stampa diffuso, continua a sottolineare i rischi nel comprare prodotti che vengono conservati sotto al sole, spesso scongelati e ricongelati più volte, cibi senza indicazioni relative alla provenienza, preparati a discapito delle più elementari norme igieniche, utilizzando legname di risulta o, in alcuni casi, conservati in acqua sporca, come il cocco venduto in spiaggia.