Sui migranti la posizione del Movimento 5 Stelle assomiglia a quella di CasaPound. A sostenerlo è Simone Di Stefano, vicepresidente del movimento di estrema destra, intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus. "Dopo i risultati elettorali hanno iniziato a prendere una deriva che assomiglia al nostro programma. Soprattutto a Roma, siamo contenti che Virginia Raggi abbia annunciato delle prese di posizioni che sono uguali alle nostre", sostiene Di Stefano, che però avverte: "Alla fine siamo certi che non farà nulla di concreto. Non ci fidiamo più del Movimento Cinque Stelle, sono un’accozzaglia di comunisti mancati”. Critico il Partito Democratico: "Grillo e Raggi ieri hanno dettato la linea del Movimento 5 Stelle sulla questione dei migranti. Una posizione diametralmente opposta a quella del Partito Democratico e pericolosamente analoga a quella di altre forze politiche come Lega Nord e Casapound. Non stupisce, dunque, l’endorsement odierno di Casapound sulla presa di posizione della Sindaca Raggi", ha dichiarato la consigliera comunale dem Giulia Tempesta.

Raggi: "Sui migranti Roma fa la sua parte"

Virginia Raggi, in una nota stampa diffusa oggi, spiega meglio la sua posizione sui migranti, dopo la dura lettera di ieri inviata al prefetto di Roma in cui chiedeva uno stop all'accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo. "Roma fa la sua parte e continuerà a farla come anche tutte le altre città grandi e piccole. L’accoglienza dei più fragili è prima di tutto un dovere morale che deve tuttavia essere attuato con regole precise e in maniera controllata per evitare sacche di illegalità e fenomeni opachi come quelli visti in passato proprio qui a Roma. Solo in questo modo sarà possibile tutelare seriamente chi ne ha diritto senza creare scontri sociali”, ha dichiarato oggi la sindaca.