Via della Scrofa si trova tra Rione Campo Marzio e Rione Sant'Estauchio nel cuore di Roma. L'antica strada, si ritiene che il primo tracciato tracciato risalga all'epoca di costruzione del Mausoleo di Augusto nel 29 a.C, va da via di Ripetta a largo Giuseppe Toniolo, a ridosso del Senato. Il suggestivo vicolo è denso di storia e di storie che non tutti conoscono. Cominciamo dal nome. Perché si chiama proprio così? L'origine toponomastica della strada è stata a lungo discusso e alla fine i più sono concordi nel legarla al nome di una locanda che qua aveva dimora nel 1400, come riportato da alcuni documenti dell'epoca. Per consuetudine tutto l'isolato era noto come "la Scrofa".

La Fontana della Scrofa

Il nome dunque non sarebbe derivato dalla Fontana della Scrofa, che comprende un piccolo bassorilievo raffigurante, appunto, una scrofa che sarebbe stata invece posta solo dopo che già per consuetudine la strada era nota con questo appellativo. La fontana vera e propria fu spostata nel 1873 con l'aumentare del traffico sulla strada tra via della Scrofa e via dei Portoghesi, mentre il bassorilievo (originariamente parte di un gruppo scultoreo più grande) è rimasto al suo posto incastonato nel Convento degli Agostiniani.

Palazzi storici su via della Scrofa

Oltre al Convento, trasformato dopo l'Unità d'Italia nella sede del Ministero della Marina, si trovano altri palazzi storici, come palazzo Aragona Gonzaga al civico 117, dove è visibile sulla facciata un'edicola con una Madonnella, e la storica sede del Collegio Germanico Ungarico al civico 70: qui se vi affacciate all'interno riuscirete a vedere una splendida fontana.

Qui sono nate le ‘fettuccine all'Alfredo'

E se una locanda ha dato il nome alla strada, la via è rinomata per essere la casa di un famosissimo ristorante: quell'Alfredo alla Scrofa dove è nata la ricetta delle famigerate ‘fettucine all'Alfredo'. Si tratta di un piatto semplice molto amato anche all'estero, con un sugo fatto solo di parmigiano e burro.

Via della Scrofa, la politica: qui la storica sede dell'Msi e di An

Ma via della Scrofa è nota a moltissime persone per essere stata per lunghissimi decenni la casa della destra italiana. Qui, al civico 43, aveva la sua sede nazionale il Movimento Sociale Italiano. E sempre qui, dopo la svolta di Fiuggi, ha avuto per lungo tempo casa Alleanza Nazionale. Ora sul citofono ci si può trovare la targhetta della Fondazione AN, che gestisce il patrimonio del vecchio partito erede dell'Msi.