Il Lazio è una delle regioni italiane dove i castelli, le rocche e le cinta murarie sono presenti ancora oggi, con splendidi edifici fortificati che sono andati oltre le guerre e oltre i conflitti a tal punto da aver sconfitto il tempo, restando nello stesso punto in cui era stata messa la loro prima pietra. Alcuni hanno resistito meglio al passare degli anni, altri invece sono caduti in rovina, ma più o meno tutti mantengono un fascino mozzafiato fino a lasciare sbalorditi i turisti e i curiosi che si imbattono nella loro magnificenza. Molti di questi sono noti al pubblico, come Castel Sant'Angelo, il Mausoleo di Adriano che sorge a Roma e che ancora oggi è uno dei siti storici più visitati della Capitale. Tuttavia non esiste solamente questa realtà, ma varie roccaforti sono sparse in tutta la regione: tutte sono di una bellezza sconfinata, da quando erano teatro di grandi battaglie a oggi, sopravvissute allo scorrere del tempo. Ecco a voi i cinque castelli più belli del Lazio assolutamente da visitare:

Il Castello Orsini-Odescalchi a Bracciano

Bracciano deve la sua fama non solamente all'omonimo lago, ma anche allo splendido Castello Orsini-Odescalchi, che recentemente è stato anche teatro del matrimonio tra Tom Cruise e Katie Holmes. Posto sul bordo occidentale del lago, si erge dal centro del borgo e sovrasta tutto il paesaggio, a tal punto da lasciare i passanti a bocca aperta. La caratteristica principale del castello, oltre all'imponenza, è quella di essere parzialmente avvolto da piante rampicanti, che donano al complesso architettoncio un aspetto suggestivo e medievale. I torrioni principali sono di forma circolare e lo rendono una delle fortezze più belle del Lazio e di tutta Italia.

Il castello di Torre Alfina

Torre Alfina è una frazione in provincia di Viterbo famosa in tutta Italia per il suo castello, una delle fortezze più belle di tutto il nostro Paese. Le sue torri dominano la scena e si narra che dalla fortezza gli arcieri affrontassero le avanzate dei barbari per proteggere i cittadini dal loro arrivo. Al suo interno ci sono giardini e spazi aperti, con alcune finestre che si affacciano sul panorama della campagna tra Umbria, Toscana e Lazio. Ancora oggi tra le varie sale sono presenti alcuni mobili d'epoca, oltre a preziosi stucchi, marmi e affreschi risalenti all'età medievale. Uno scenario mozzafiato che all'occasione può anche diventare una location da favoli per matrimoni da sogno.

Il castello di Vicalvi

Il paesino di Vicalvi si trova in provincia di Frosinone ed è situato a oltre 600 metri sopra il livello del mare. Sulla sommità del monte si erge il suo celebre castello, che un tempo veniva utilizzato come argine difensivo per contrastare le avanzate dei nemici lungo l'Appennino abruzzese. Il castello di Vicalvi domina l'intera scena del Frusinate, in particolare la conca del lago di Posta Fibreno: un tempo era un luogo strategico a livello militare, in quanto una delle fortezze più orientali di tutta la zona. Oggi è invece uno dei principali esempi di architettura difensiva inserita nel tessuto cittadino, classico risultato di quanto accade in Italia nel Medioevo a seguito del processo di "incastellamento".

Il castello di Vignanello

Non solo il castello di Torre Alfina, ma il viterbese ha tra i suoi capolavori anche il Castello Ruspoli, meglio noto con il nome di Palazzo Ruspoli. Il complesso sorge nella zona più orientale dell’antico borgo di Vignanello, frazione in provincia di Viterbo, ed è simile al castello Orsini-Odescalchi di Bracciano per l'edera che avvolge le mura della fortezza. Castello Ruspoli non è soltanto una delle roccaforti più belle del Lazio, ma ospita anche uno dei più importanti giardini d'Italia, costruito del 1611 per volontà di Ottavia Orsini, figlia di Giulia Farnese e di Vicino Orsini. In molti si dirigono a Vignanello appositamente per visitare questo meraviglioso castello.

Il castello di Bolsena

Il borgo di Bolsena, centro definito "città del miracolo eucaristico", non è soltanto il punto dal quale è partita la solennità del Corpus Domini in tutta la Chiesa, ma è anche anche la sede di un castello che si affaccia sull'omonimo lago. La rocca si affaccia proprio a due passi dal lago di Bolsena, vicino a qualche casetta locale che contribuisce a creare lo scenario di un antico villaggio medievale. La massiccia Rocca Monaldeschi della Cervara domina la scena nel viterbese, con le torri che ricordano una vera e propria fortezza, sulle quali campeggia la bandiera comunale a tinte giallo-rosse, che si dice sia in quel preciso punto già dai tempi del Medioevo.