Noleggiavano bici e risciò illegalmente, evadendo tasse e tributi per circa 50mila euro. Questo il risultato di un blitz della polizia locale a Villa Borghese. Ieri i vigili hanno portato a termine un'operazione per il controllo delle attività all'interno del parco. Numerosi agenti, appartenenti al Comando PSO, ai gruppi Centro (ex Trevi) e GPIT, supportati da funzionari di Aequaroma hanno controllato le autorizzazioni e la regolarità dei pagamenti dei tributi locali delle società che effettuano noleggio di veicoli elettrici, risciò e segway a turisti e cittadini, elevando multe di oltre 10mila euro. I verbali sono scattati in ottemperanza del Codice della Strada e per violazioni amministrative e tributarie. Ecco gli illeciti e le evasioni: dall'assenza dei caschi obbligatori e delle cinture di sicurezza fino ai controlli sullo stato dei veicoli, l'assenza di autorizzazioni, occupazione del suolo pubblico e Tari, oltre alla pubblicità non pagata che veniva applicata sui mezzi destinati a girare per le strade del centro.

Villa Borghese, il blitz della polizia locale.

Le operazioni della polizia locale sono durate tutta la mattinata di mercoledì 13 settembre, partendo dalla terrazza del Pincio fino al laghetto del tempio di Esculapio. Le attività di noleggio fanno capo a 7 società, che complessivamente gestivano circa 120 veicoli tra elettrici e a pedali. In totale sono stati notificati 26 verbali, con 13 carte di circolazione ritirate. Sei veicoli elettrici sono stati oggetto di fermo amministrativo e dovranno restare in garage per tre mesi. Tre veicoli elettrici, normalmente adibiti a "noleggio senza conducente" erano invece condotti da una guida: per costoro è scattato un verbale ai sensi dell'articolo 85 del C.D.S. e il fermo amministrativo. Alcuni mezzi sono stati sanzionati anche nella zona del Tridente, da pattuglie appartenenti alla Squadra Vetture.