"Tre rom in meno", è il testo, con tanto d svastica disegnata accanto, di una vergognosa scritta apparsa oggi su un muro della Capitale. Si riferisce al rogo in cui sono morte tre sorelle di quattro, otto e venti anni. Dormivano nel loro camper quando un uomo, ancora da identificare, ha lanciato una bottiglia incendiaria.

La fotografia è stata pubblicata su Facebook da Rinaldo Sidoli, responsabile nazionale Verdi del settore Tutela e salute degli animali. "Scusaci Elizabeth, Francesca e Angelica per questa disumana brutalità", ha scritto. Sempre Sidoli ha pubblicato un altro scatto che ritrae una macchina parcheggiata a Centocelle. La vettura schiaccia i fiori in ricordo delle tre vittime, che alcuni cittadini avevano lasciato vicino al luogo del rogo. "Abbiamo toccato il fondo. Parcheggia schiacciando i fiori che i cittadini avevano deposto in ricordo delle tre vittime di Centocelle. Uno sfregio all'umanità. Uno schifo", la denuncia di Sidoli.

"Provo vergogna per loro. Un gesto inqualificabile. Qualcuno ha parcheggiato la propria automobile schiacciando i fiori deposti in ricordo delle tre vittime del rogo nel camper a Centocelle. Si tratta di un atto vergognoso e spregevole. Il rispetto, a maggior ragione in momenti così drammatici, si misura soprattutto tramite l'attenzione nella quotidianità. Ci siamo attivati immediatamente inviando sul posto la Polizia Locale di Roma Capitale". Così su Facebook l'assessore al Sociale di Roma Capitale Laura Baldassarre.