Alta tensione tra manifestanti e polizia alla ‘passeggiata per la sicurezza', organizzata da Forza Nuova, che si è svolta questa sera al Tiburtino III, Roma. Il questore di Roma aveva vietato il corteo per "motivi di ordine pubblico", ma secondo gli esponenti del movimento di estrema destra "trattandosi non di una manifestazione ma di una passeggiata per la sicurezza, in realtà non servono preavvisi. E così intorno alle 20 e 30 circa cento militanti e cittadini hanno sfilato per le vie del quartiere. "Siamo venuti nonostante il divieto, siamo qui senza temere nulla, pronti a stare a fianco dei cittadini", ha dichiarato alla stampa un esponente di Forza Nuova. Tafferugli e qualche spintone tra i manifestanti e le forze dell'ordine intervenute sul posto in assetto antisommossa.

Il 30 agosto scorso un gruppo di cittadini del quartiere ha tentato l'assalto al centro d'accoglienza della Croce Rossa in via del Frantoio. Un eritreo è stato ferito con una coltellata alla schiena.

Gabrielli: "Non ci sarà nessuna marcia su Roma"

"La marcia su Roma non si farà", ha dichiarato oggi il capo della polizia Franco Gabrielli nel corso di un intervento al Festival Con-vivere di Carrara in riferimento alla ‘marcia dei patrioti' organizzata da Forza Nuova per il prossimo 28 ottobre, l'anniversario della marcia su Roma di Mussolini. "Come al solito in questo Paese si parla del nulla perché fino a oggi è stato chiesto al ministro Minniti di intervenire. Su che cosa? Non c'è un atto sul quale noi siamo chiamati a decidere. Se vi posso dire la mia, la marcia su Roma non ci sarà", ha dichiarato Gabrielli.

La marcia di Forza Nuova, sostengono i militanti, è stata organizzata per manifestare "contro lo ius soli e contro gli stupri commessi da immigrati".