Ha cercato di suicidarsi camminando contromano in viale Castrense, a Roma, cercando di farsi investire dalle auto. Un uomo di 28 anni, originario del Bangladesh, è stato però fortunatamente salvato dall'intervento della polizia locale di Roma Capitale. Il 28enne, in evidente stato confusionale, ha spiegato agli agenti che voleva uccidersi per andare al cospetto del suo Dio, Allah. Ma il suo gesto ha causato non pochi problemi anche agli automobilisti che se lo sono trovato di fronte in tangenziale, e che hanno dovuto compiere manovre repentine per evitare di investirlo.

Dopo il loro provvidenziale intervento, gli agenti della polizia locale hanno deciso di portare con la propria auto il 28enne in ospedale: troppo pericoloso infatti aspettare un'ambulanza, dal momento che l'uomo si trovava sulla sopraelevata e avrebbe anche potuto tentare di gettarsi di sotto. L'uomo è stato quindi portato nel reparto di Psichiatria del San Giovanni Addolorata, dove i medici lo hanno sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio.