Da Fontana di Trevi alla Barcaccia di piazza di Spagna, dalla fontana del Tritone a piazza Barberini a quella dei Quattro fiumi a piazza Navona. Fino al 31 ottobre, termine della nuova ordinanza firmata dalla sindaca Virginia Raggi, i cittadini e i turisti non potranno sedersi sulle fontane storiche, mangiare o bere, sia di giorno che di notte, arrampicarsi, bagnarsi, gettare oggetti, ad eccezione delle classiche monetine, o lavare animali e oggetti. Pena una multa da 40 a 240 euro. La nuova norma antibivacco è stata firmata con l'obiettivo, comunica il Campidoglio, di impedire che si verifichino episodi contrari alle regole di decoro urbano e garantire adeguata tutela del patrimonio storico, artistico e archeologico di Roma Capitale.

Coinvolte dal provvedimento circa quaranta fontane di particolare interesse storico, artistico e archeologico, inclusi i loro basamenti e le relative aree di pertinenza. In pratica i cittadini e i turisti non potranno sostare nelle vicinanze delle fontane. Da capire come verrà applicata la nuova ordinanza alla Fontana di Trevi, per la quale Virginia Raggi aveva pensato anche di creare un percorso obbligato per evitare proprio che i turisti sostassero a lungo davanti alla fontana. L'idea era stata annunciata dopo l'ennesimo tuffo di un turista. In generale, solo nell'ultimo anno, i casi di bagni, soprattutto notturni, nelle fontane storiche della Capitale sono stati moltissimi.

Già nel 2012 l'allora sindaco Gianni Alemanno aveva emanato un'ordinanza dal titolo ‘Disposizioni urgenti per garantire la tutela delle aree di pregio del centro storico'. In base al provvedimento nelle aree “di particolare pregio storico, artistico, architettonico e culturale ricomprese nel perimetro della Città Storica di Roma” non si poteva bivaccare, sistemare giacigli e sostare per consumare cibi o bevande. Le multe arrivavano a un massimo di 500 euro. L'impianto è lo stesso dell'ordinanza firmata dalla sindaca Raggi, ma l'attuale prima cittadina ha limitato il dispositivo, per il momento, solo alle fontane.

Tutte le fontane di Roma interessate dall’ordinanza.

Queste le fontane storiche di Roma interessate dall'ordinanza: la Fontana di Trevi, le Fontane dei Leoni, del Nettuno e della Dea Roma a piazza del Popolo, la Fontana della Barcaccia a piazza di Spagna, le Fontane dei Quattro Fiumi, del Moro e del Nettuno a piazza Navona, la Fontana dei Catecumeni in piazza della Madonna dei Monti, la Fontana dell’Acqua Paola a piazza Trilussa, la Fontana di piazza Santa Maria in Trastevere, la Fontana del Tritone a piazza Barberini, la Fontana della Navicella, le Fontane dei due Mari a piazza Venezia, la Fontana in piazza dell’Aracoeli, la Fontana delle Naiadi a piazza della Repubblica, la Fontana di piazza di Campo de’ Fiori, Fontana della Dea Roma in piazza del Campidoglio e la Fontana Mostra dell’Acqua Paola in via Garibaldi.