in foto: Foto LaPresse

È stata una mattina di passione quella di oggi, martedì 12 settembre, per i pendolari costretti a spostarsi per lavoro nella Capitale. Alle ore 12.30 è terminato lo sciopero del trasporto pubblico per Atac e Roma Tpl che ha paralizzato il traffico e provocato numerosi disagi in varie zone della città. Particolarmente penalizzati gli utenti della metro A e della Roma-Lido: la linea rossa è stata chiusa e ha effettuato le ultime corse con partenza dal capolinea alle ore 8.30, sospesa anche la tratta ferroviaria con ultime corse da Porta San Paolo alle 9.30 e da Colombo alle 10.10. Come  annunciato dall'Agenzia Roma Servizi per la Mobilità, alcune corse della metro B e B1 sono state effettuate. È rimasto regolare invece il funzionamento della metro C e della linea Termini-Centocelle. Sempre secondo l'Agenzia, sulla linea ferroviaria Roma-Viterbo sono state lievemente ridotte le corse sul servizio urbano mentre quello extraurbano si è svolto in maniera regolare. Sulle altre linee sono state registrate riduzioni di corse e sospensioni.

Lo sciopero dei trasporti pubblici.

Lo sciopero di quattro ore del personale Atac, proclamato dai sindacati Orsa Tpl e Faisa Confail, è iniziato alle 8.30. Il sindacato ha espresso la propria soddisfazione in una nota

"Nonostante l’ostacolo di una regolamentazione provvisoria (su cui pendono i nostri ricorsi al TAR) e il rischio tifo 5 stelle, l’alta adesione allo sciopero odierno dimostra che, al contrario di certi sindacalisti, gran parte dei lavoratori non si sono lasciati influenzare da promesse e chiacchiere. È del tutto evidente che la soluzione trovata dalla giunta Raggi per Atac lascia dei grossi dubbi a tutti. Intanto per l’altissimo rischio di fallimento dell’azienda insito a questa operazione. In Italia il 99% di aziende che hanno chiesto il concordato preventivo sono successivamente fallite. Poi, nel caso andasse a termine, ai lavoratori che in essa vedono a rischio salari, posti di lavoro e aumenti di carichi di lavoro. Infine agli utenti che intravedono il rischio concreto di aumento del prezzo del biglietto e con il servizio addirittura peggiorato.Le rassicurazioni e i verbali sottoscritti con le OO.SS. disponibili lasciano il tempo che trovano. Alle nostra domanda l’Assessora e la Sindaca ancora non hanno risposto: continuate a garantire di non toccare salari, posti e carichi di lavoro, allora dove pensate di fare economie in ATAC per garantire al giudice e ai creditori di rispettare il piano di rientro del debito?"

Fermi anche i dipendenti di Roma Tpl. I lavoratori di Cotral rimarranno invece a braccia conserte per tutte le 24 ore per quanto riguarda gli aderenti al sindacato Sul e quattro ore per il sindacato Cambia–Menti M410.

"Alle 13 di oggi ha aderito allo sciopero di 24 ore proclamato dall’organizzazione sindacale Sul – Comparto Trasporti e allo sciopero di quattro ore proclamato dalle organizzazione sindacale Cambia – Menti M410, il 22% del totale dei dipendenti dell'azienda in servizio nelle fasce orarie interessate dall'agitazione – ha scritto in una nota Cotral – Nel rispetto della fascia di garanzia il servizio sarà regolare dalle 17 alle 20. Ulteriori disagi o soppressioni potrebbero verificarsi dalle 20 fino a fine servizio".