“Siamo consapevoli del disagio che si è creato per questa improvvisa chiusura, ma la misura era necessaria per debellare una situazione di rischio potenziale per i cittadini e per gli operatori. Contiamo di riaprire il poliambulatorio il 21 settembre". Così Angelo Tanese, direttore generale della Asl Roma 1 dopo la chiusura del presidio di Labaro-Prima Porta, per motivi di sicurezza pubblica a causa di un'infestazione di pulci. I sanitari e i vigili urbano del Municipio XV stanno collaborando insieme di rendere le azioni di intervento più efficaci. L’Azienda Sanitaria ha comunque garantito la continuità assistenziale, trasferendo l’attività specialistica e i prelievi al Poliambulatorio Tor di Quinto e quella vaccinale al Presidio di Via Jacobini 6. Presso Labaro un operatore è rimasto sempre presente per fornire informazioni alla popolazione sull’accesso ai servizi e chiarire le ragioni della prolungata chiusura.

Infestazione da pulci.

L'ultimo intervento di disinfestazione è previsto per il 15 settembre. Come scrive la Asl in una nota, sono necessari diversi cicli di bonifica per eliminare correttamente parassiti adulti, larve e uova deposte: il primo intervento è stato svolto lo stesso giorno della scoperta delle pulci, l'11 agosto, e ne sono seguiti altri il 23, il 25 agosto e il 9 settembre.

Gatti con pulci.

A portare le pulci sarebbero stati i gatti randagi, presenti nella siepe di delimitazione del giardino della struttura. La colonia felina che è risultata essere non registrata e mal gestita, attualmente è stata presa in carico dal Servizio Veterinario della ASL.