Per anni ha picchiato la nonna in casa con l'obiettivo di farsi dare i soldi per comprare droga e alcol. Un ragazzo di 23 anni, romano, è stato arrestato dagli agenti di polizia del commissariato romano di Monteverde. Viveva insieme alla nonna, una signora di 83 anni, dall'età di nove anni e nei primi tempi la convivenza si è svolta nel migliore dei modi. Poi, quando il ragazzo ha compiuto 18 anni, ha cominciato a trattare la nonna in maniera violenta e chiedere soldi per acquistare alcolici e droga, forse influenzato da cattive amicizie.

La nonna maltrattata e minacciata dal nipote di 23 anni.

Stando a quanto riporta Roma Today, il ragazzo avrebbe picchiato diverse volte la nonna, che in alcune occasioni è stata costretta anche a recarsi al pronto soccorso per farsi medicare, ma ai medici non ha mai raccontato la verità. Gli ultimi episodi di violenza risalirebbero a luglio e ad aprile scorsi, quando l'anziana avrebbe riportato, a causa del nipote, un trauma cranico e l'amputazione del dito. L'83enne, dopo l'ennesimo maltrattamento seguito alle ormai consuete minacce di morte, ha deciso di denunciare tutto alla polizia. Il ragazzo è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Monteverde. Il pm della procura di Roma che si sta occupando delle indagini ha infatti disposto la custodia cautelare in carcere per il ragazzo. Questo in virtù della sua pericolosità sociale, dato che in più di un'occasione ha minacciato anche, oltre alla nonna, i condomini del palazzo in cui abitava.