E' stato investito. Il sedicenne romano trovato a terra agonizzante davanti all'ingresso del villaggio Valtur di Ostuni è stato preso in pieno da un'automobile pirata, di cui già si conosce targa e proprietario. "Le indagini prontamente ed efficacemente effettuate dal commissariato di Ostuni con il coordinamento di un sostituto procuratore hanno consentito di accertare che il drammatico evento su è verificato a causa di un incidente stradale", ha dichiarato il procuratore della Repubblica di Brindisi, Marco Di Napoli.

Il ragazzo è ancora ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Perrino di Brindisi, è ancora in coma con ferite alla testa che gli hanno provocato una emorragia cerebrale e un grave trauma facciale. E' gravissimo, dicono i medici,  "il trauma cranico evolve di ora in ora". Il 16enne, stando al risultato delle prime analisi, aveva bevuto quella sera. Il suo tasso di alcol nel sangue era dell'1,20 per cento, quello normale è 0,50. Sabato aveva festeggiato con i compagni delle vacanze in spiaggia e il giorno dopo sarebbe dovuto rientrare a Roma in mattinata. Il ragazzo è stato trovato agonizzante all'entrata del villaggio alle 4 di mattina. Era in vacanza con il padre, un noto chirurgo di Roma, e con il fratello più piccolo. Inizialmente, tra le ipotesi prese in considerazione dagli investigatori, anche quella che l'adolescente poteva essere caduto da solo dopo aver bevuto molto. Gli esami medici hanno invece rivelato un'altra verità: il ragazzo è stato investito da un pirata della strada, che poi è fuggito senza prestare soccorso.