Era stato ultimato da il complesso turistico "Capitol" a Ostia, realizzato dalla "Sil Campeggi s.r.l." ma lo scorso 25 giugno è stato notificato l'ordine di demolizione. Il provvedimento è stato adottato dal direttore amministrativo del X Municipio del Comune di Roma e prevede l'abbattimento della struttura in 90 giorni. Il nuovo villaggio turistico sarebbe stato realizzato in maniera illegale, secondo i tecnici del Comune "in assenza del titolo abilitativo, ovvero il permesso a costruire" come si legge su Il Messaggero.

Si tratta di 26 ettari all'interno del perimetro della riserva naturale del Litorale Romano di competenza demaniale, un'area sulla quale non è possibile costruire manufatti. Ora, però, La società "Sil Campeggi" ha annunciato il ricorso al Tar del Lazio: " Siamo sorpresi, si tratta di un provvedimento assunto contro ogni logica, neghiamo che ci siano costruzioni prive di autorizzazione" si difendono dalla società.

Nel caso del mancato abbattimento delle strutture, l'intero complesso turistico verrà requisito dal Comune di Roma entrando a far parte del patrimonio dell'ente. Il complesso "Capitol" è costato 50 milioni di euro e avrebbe previsto l'impiego di 250 addetti. Le procedure di assunzione del personale che erano in corso nelle ultime settimane sono state sospese dalla società in attesa di fare piena luce sulla vicenda.