Un romano di 32 anni è stato arrestato con l'accusa di aver compiuto quattro rapine a mano armata in meno di 20 giorni. Le sue vittime sono state colpite nel mese di agosto: il 3 un passante in via della Scafa, il 9 un fast-food a Ostia, il 15 un negozio di frutta e verdura a Fiumicino e il 19 un benzinaio di Ostia. Il responsabile è stato fermato dalla polizia di Stato del commissariato di Fiumicino. Grazie alle testimonianze fornite dalle vittime, e da riscontri investigativi, gli agenti hanno concentrato le loro attenzioni su M.U., già noto alle forze di polizia e al termine di un servizio di osservazione lo hanno individuato. Nel corso di una delle rapine, inoltre, l’uomo era stato visto fuggire a bordo di un’autovettura guidata da una donna, sua complice; a casa di quest’ultima gli investigatori hanno trovato un copia di una pistola e gli abiti che l'uomo aveva utilizzato nelle rapine. Accompagnato negli uffici del commissariato Fiumicino, è stato sottoposto misure restrittive, mentre il veicolo utilizzato durante le azioni illecite, risultato rubato, è stato sequestrato.

Rapine a mano armata a Ostia.

Gli investigatori, dopo la prima rapina, hanno già creato un identikit del malvivente, il quale, in quella circostanza, ha avvicinato un uomo all’esterno di un ristorante di via della Scafa, e lo ha rapinato puntandogli una pistola. Stessa cosa è accaduta il 9 agosto quando il malvivente è entrato in un fast-food in corso Duca di Genova, a Ostia e armato, si è fatto consegnare l'incasso. Rapine ripetute anche il 15 e il 19 agosto, ai danni rispettivamente di un negozio di frutta e verdura in viale di Focene, a Fiumicino, e di un distributore di carburante in via Capitan Casella, sempre a Ostia.