Ha incontrato l'ex fidanzata per un chiarimento. Che in realtà sapeva sarebbe stato l'ultimo. Perché Francesco Marigliani, 28enne originario di Amelia (in provincia di Terni), ieri pomeriggio si è presentato armato di pistola al cospetto dell'ex ragazza, la coetanea Silvia Tabacchi, di Vasanello (Viterbo). I due, che stavano insieme fin dall'adolescenza ma recentemente avevano chiuso il loro rapporto, si sono dati appuntamento in una piazzola lunga la strada Vasanellese, in direzione Orte, nel Viterbese. Lei è arrivata con la sua auto, lui in sulla sua moto. Sulla sella della due ruote, secondo il sito locale "Tusciaweb.eu", Francesco ha lasciato tre lettere. Una diceva: "Bruciate anche la macchina".

Francesco è entrato in auto e ha sparato alcuni colpi verso Silvia con la pistola Glock calibro 9 che aveva comprato il giorno prima, appena dopo aver conseguito il porto d'armi. Poi ha rivolto l'arma verso se stesso e si è suicidato. I corpi dei due giovani sono stati trovati da un ciclista, che ha dato l'allarme. Sul posto sono arrivati i soccorsi, ormai inutili, e i carabinieri, cui spetterà chiarire gli ultimi aspetti di una vicenda che purtroppo appare fin troppo simile a tante altre tragedie. Si cercherà probabilmente di capire tramite gli amici della ragazza, che nel frattempo aveva iniziato un'altra relazione, se il 28enne avesse in passato lasciato intendere di poter compiere un gesto simile. Intanto, però, sui social resta il dolore e l'incredulità delle tante persone che conoscevano i due ragazzi: i rispettivi paesi sono sotto choc.