I Radicali italiani hanno proposto un referendum per dire basta al monopolio di Atac sul trasporto pubblico romano. Questa la domanda che verrà rivolta ai cittadini romani: "Volete voi che, a decorrere dal 3 dicembre 2019, Roma Capitale affidi tutti i servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e su rotaia mediante gare pubbliche, anche a una pluralità di gestori e garantendo forme di concorrenza comparativa, prevedendo clausole sociali per la salvaguardia e la ricollocazione dei lavoratori nella fase di ristrutturazione del servizio?". L'idea, su cui sono chiamati ad esprimersi i romani, è che a partire dal 2019, quando cioè scadrà il contratto con Atac, la gestione del trasporto pubblico possa essere affidata a gare pubbliche a cui potranno partecipare anche aziende private.

"La situazione dei trasporti nella Capitale versa ormai da troppo tempo in condizioni disastrose, a discapito della qualità della vita dei cittadini e della loro possibilità di vivere pienamente la città come invece è consentito agli abitanti di altre capitali europee", hanno spiegato Alessandro Capriccioli e Riccardo Magi, rispettivamente segretario di Radicali Roma e di Radicali Italiani. "La causa di tale disastro è con ogni evidenza il monopolio affidato a una società ormai fallita, che in alcuni esercizi ha totalizzato, da sola, più della metà delle perdite di tutto il settore a livello nazionale, e che attualmente ha un deficit di più di un miliardo di euro. Chi pensa di potere risolvere questi problemi semplicemente combattendo l'evasione è un illuso o un demagogo". Secondo i Radicali Atac sarebbe "irrecuperabile": "Abbiamo fatto un dossier molto dettagliato, con dati recentissimi, anche relativi al servizio nell'anno 2015, mostrano una situazione disastrosa e a nostro avviso irrecuperabile di Atac. L'azienda più grande nel settore, ma anche la più indebitata. È un'azienda, che a nostro avviso non ha possibilità di risanamento", ha spiegato Magi.

Il sondaggio: siete d'accordo con la proposta dei Radicali?