"Vigili di m….", "morite m…", "siete infami e basta". Offese e gravi insulti agli agenti della polizia locale di Roma, che da oggi i vigili hanno deciso di perseguire legalmente. “Tutti coloro che utilizzano i social networks devono assumersi la responsabilità di quello che scrivono. In qualsiasi caso venga a configurarsi un reato, interverremo sicuramente”, promette il Comandante Generale Diego Porta. E così oggi, proprio per gli insulti ai vigili, due persone sono state denunciate. Lo scorso febbraio i due responsabili, spiegano i vigili, avevano commentato alcuni post presenti su Facebook scrivendo pesanti frasi e volgarità sia dirette al Corpo che agli agenti con l'intento di diffamare la Polizia di Roma Capitale.

A pochi giorni dal varo del nuovo profilo ufficiale Facebook, si legge ancora nel comunicato stampa, la Polizia Locale ha quindi iniziato ad tener d’occhio la rete e tutti coloro che rilasciano commenti o post offensivi, grazie anche alle segnalazioni provenienti dagli stessi agenti.