Il virus della Chikungunya, che nel Lazio ha già fatto registrare 17 casi di contagio, preoccupa molto cittadini e istituzioni della Capitale. Per questo motivo il Centro Nazionale di Sangue e la Regione Lazio hanno vietato le donazioni di sangue per tutti gli abitanti che rientrano nel distretto di competenza della Asl 2 di Roma: si tratta di circa 1,2 milioni di persone. Il divieto di donare il sangue è esteso, ma solo per 28 giorni, anche a tutti i residenti nel resto d'Italia che, a partire dal 25 agosto, sono stati nella Capitale.

Il provvedimento è stato adottato per evitare il rischio di contagio, dal momento che non esiste un test in grado di stabilire la presenza del virus nel sangue e questo potrebbe aumentare esponenzialmente i casi. Come si rende noto, però, il virus della Chikungunya è molto diffuso nel nostro Paese, visto che a trasportarlo è la zanzara tigre, molto diffusa sul territorio nazionale.