L'ennesima scritta sul Colosseo, l'ennesimo sfregio al monumento più famoso del mondo. Una turista tedesca di 43 anni è stata denunciata ieri per danneggiamento aggravato su edifici di interesse storico e artistico. La donna è stata sorpresa dai carabinieri della Stazione di Roma piazza Dante dopo una segnalazione della Soprintendenza Speciale del Colosseo.

Stando a quanto ricostruito, la signora è entrata all'interno del Colosseo e poi ha inciso, con una moneta, la scritta "Suba", probabilmente il suo nickname, su una colonna di marmo alla base di un'arcata del piano superiore. La turista tedesca è stata accompagnata in caserma e la moneta da lei utilizzata è stata sequestrata.

I precedenti: scritte e sfregi sul Colosseo.

Negli ultimi anni molti turisti sono stati sorpresi ad incidere scritte sulle colonne di marmo del Colosseo. Per restare agli ultimi casi, a febbraio una turista francese ha inciso la scritta ‘Sabrina 2017', mentre ad aprile un turista dell'Ecuador ha inciso i nomi della moglie e della figlia su un pilastro. A gennaio invece un gruppo di ragazzini ha scavalcato di notte le recinzioni del monumento per scrivere la parola ‘morte' su un muro.

Controcorrente, come al solito, il parere del critico d'arte Vittorio Sgarbi sui graffiti ad opera dei turisti: "Non mi pare importante. Ha scritto il nome, tutta la vita hanno scritto Byron, Canova e altri il loro passaggio su monumenti in qualunque punto del mondo. E' un falso problema, i graffiti sono utili, quando distruggeranno il Colosseo rimarrà la pietra in cui il turista ha lasciato il suo nome".