Un incendio è scoppiato questa mattina alla Eco X, un sito di stoccaggio di rifiuti speciali e ferrosi su via Pontina. Le fiamme hanno sprigionato un'altissima colonna di fumo nero, visibile a chilometri di distanza. Ad andare in fiamme un capannone contenente scarti industriali. Il fumo è arrivato su via Pontina, provocando rallentamenti. La nube nera è visibile a chilometri di distanza, dai comuni del litorale di Ardea, Anzio e Nettuno, oltre che da Ostia. Mentre dai Castelli Romani si nota come la colonna di fumo si sia espansa creando una cappa sopra la zona. Paura per la salute dei cittadini, in particolare di Pomezia: la cittadina è stata raggiunta dalla nuvola di fumo.

La Regione: "Possibile presenza di amianto"

"Ritenendo possibile la presenza di coperture in cemento amianto sui capannoni dell'impianto, è stato richiesto ad Arpa Lazio di poter estendere le attività di campionamento ambientale al fine di determinare l'eventuale presenza di fibre aerodisperse". Così si legge in una nota diffusa dalla Asl Roma 6.

Incendio Pomezia: chiusa via Pontina.

L'Eco X si trova al civico 33 di via Pontina Vecchia 33 e vi si trovano stoccati soprattutto rifiuti ferrosi e di plastica, che ancora non è chiaro come abbiamo preso fuoco. Da quanto si apprende l'incendio è divampato attorno alle 8.20. Immediatamente è scattato l'allarme: sul posto sono giunte una decina di squadre di vigili del fuoco di Roma e Pomezia, con tre autobotti e un carro schiuma. I pompieri stanno lavorando da ore allo spegnimento delle fiamme, coadiuvati dalla Protezione Civile, polizia e vigili urbani. Al momento non risultano feriti, chiusa via Pontina per consentire operazioni soccorso.

Incendio Eco X: evacuate case e scuole a Pomezia.

A Pomezia il fumo ha raggiunto anche la sede del comune in piazza Indipendenza. Evacuati case e uffici negli immediati dintorni dell'incendio, mentre il sindaco Fabio Fucci (M5s) ha ordinato la chiusura delle scuole nel raggio di due chilometri, tramite un'ordinanza d'urgenza. A casa dunque i piccoli alunni della scuola materna ed elementare Santa Procula. "Invito la cittadinanza a mantenere la calma e a rispettare le disposizioni prescitte – ha dichiarato Fucci – Le operazioni di spegnimento dell'incendio e di rilevazione della qualità dell'aria vanno avanti. L'Arpa è sul luogo e sta installando gli apparati di misurazione. Daremo comunicazione di ogni aggiornamento".

La Regione: "Nessun intossicato negli ospedali"

non si sono registrati ad ora, accessi nei Pronto soccorso degli ospedali del Lazio correlati a intossicazione. Fin ad ora l’Ares 118 è intervenuta solamente per portare soccorso a due vigli del fuoco, il primo a causa di un lieve malore e l’altro per una leggera distorsione al piede", comunica in una nota la Regione Lazio.

La procura indaga per rogo colposo.

La procura di Velletri ha aperto un'inchiesta sul rogo divampato a Pomezia e sta procedendo per incendio colposo.

Anzio, Frascati,  Pomezia: "Tenete le finestre chiuse"

L'invito del sindaco di Pomezia al momento è di evitare di aprire le finestre. Lo stesso è stato dato alla popolazione da Luciano Bruschini. Strati, sindaco di Anzio, e dal commissario straordinario di Frascati Bruno Strati. Le autorità invitano anche i cittadini a lavare con cura frutta e ortaggi.

Zingaretti: "Monitoriamo qualità dell'aria"

"Voglio ringraziare i vigili del fuoco che sono intervenuti sul posto. Si tratta di un incidente molto grave. Gli uffici dell'Arpa, con le centraline, si sono immediatamente attivati e sono sul posto per monitorare la qualità dell'aria, anche studiando il flusso dei venti nelle prossime ore. Oltre dunque all'immediato intervento per spegnere le fiamme è attivo il monitoraggio, e daremo subito i dati",così il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Il comunicato della Asl.