Due romani su tre non apprezzano il suo operato e tra loro ci sono anche molti elettori grillini, circa il 40 per cento. Il sondaggio che preoccupala sindaca Virginia Raggi è stato elaborato dalla società Izi per la Repubblica su un campione di circa mille interviste realizzate tra il 3 e il 6 marzo.

Quello che emerge è che solo il 22 per cento dei romani continua ad aver fiducia dell'operato di Raggi. Inoltre, circa quattro elettori su dieci della sindaca non sono più convinti della scelta fatta alle urne, mentre il 52 per cento dell'elettorato si dichiara ancora fiducioso. Se si rivotasse oggi la sindaca a 5 Stelle raccoglierebbe appena il 17,2 per cento dei voti contro il 35,2 per cento che conquistò al primo turno della tornata elettorale che l'ha vista trionfare. Spiega l'ad di Izi Giacomo Spaini a Repubblica

"Ciò che più colpisce è la costanza con cui cala non solo il gradimento nei suoi confronti, ma pure lo sgradimento, dovuto in gran parte al fatto che a scendere di molto è la percentuale di indecisi fra gli elettori grillini: significa che chi a novembre, data della nostra ultima rilevazione, era ancora incerto e perciò determinato a concedere ancora tempo alla Raggi, oggi – di fronte a una città ancora sporca, piena di buche, coi trasporti mal funzionanti, le società che continuano a macinare debito e la paralisi nei municipi che penalizzano i servizi, ha perso la pazienza".