Un tratto del Grande Raccordo Anulare è rimasto al buio questa mattina a causa di un furto di rame. Il personale dell'Anas ha colto in flagranza di reato tre uomini che, con il volto travisato, stavano rubando diversi cavi elettrici dell'illuminazione al di sotto della Galleria Appia. I ladri, una volta vistosi scoperti, si sono dati ad una precipitosa fuga.

Dal sopralluogo del personale tecnico, intervenuto assieme alle forze dell'ordine per constatare il danno e i furti, è risultato che i ladri si sono introdotti da un tombino per non essere scoperti da un sistema d'allarme.

"Il grave atto ai danni di Anas e della collettività segue purtroppo altri numerosi casi analoghi di furti e atti vandalici, sempre diretti verso cavi elettrici e impianti da parte di ignoti – si legge in una nota di Anas – che hanno compromesso il regolare funzionamento degli impianti di illuminazione tanto lungo l’autostrada Roma-Fiumicino quanto sul Grande Raccordo Anulare".

"Per ripristinare il funzionamento di tutti gli impianti attualmente fuori uso ed evitare definitivamente il ripetersi di simili episodi – prosegue il comunicato – Anas ha già avviato nei mesi scorsi le procedure di appalto per il ripristino mediante cavi in alluminio, meno appetibile del rame per i ladri, che inoltre saranno interrati per circa 1,5 metri con condotte cementificate, oltre all`introduzione di altri sistemi antifurto, antieffrazione e sorveglianza".