Si presentano alla cassa con una spesa da almeno mille euro, ma il conto, grazie all'intervento di una cassiera complice, è solo di 95 euro. La truffa è stata scoperta dagli addetti alla vigilanza interna dell'ipermercato dove l'addetta alle casse, una donna romana di 47 anni lavorava. I carabinieri della Stazione Roma Bravetta hanno portato in caserma la dipendente e quattro clienti,  tutte residenti nel campo nomadi di via della Monachina.

La refurtiva è stata recuperata e restituita all'ipermercato. Le cinque donne invece sono state denunciate a piede libero con l’accusa di tentata truffa in concorso. I carabinieri stanno cercando di verificare se si sia trattato di un caso isolato oppure il comportamento della cassiera disonesta si sia verificato anche in altri giorni nei quali era in servizio.