in foto: Il drone sequestrato

Stava facendo volare un drone in piazza Pio XII, a Roma, proprio di fronte a piazza San Pietro, una delle zone più sorvegliate in Italia per il rischio di possibili attentati terroristici. Protagonista dell'episodio un turista russo di 41 anni, che nella notte tra sabato e domenica si stava divertendo a scattare foto e girare video dall'insolita prospettiva, incurante però delle leggi in vigore. L'articolo 1102 del Codice della navigazione vieta infatti di far volare droni e altri oggetti telecomandati nel centro storico di Roma: una "no fly zone" che è stata istituita per motivi di sicurezza.

Il turista russo è stato denunciato a piede libero: sequestrato il drone.

Il turista russo, incurante dei divieti, aveva fatto alzare in volo il suo drone radiocomandato. Il divertimento non è però durato molto: sul posto sono immediatamente intervenuti i carabinieri della compagnia Roma San Pietro, che dopo aver invitato l'uomo a far atterrare il drone lo hanno portato nella locale stazione per identificarlo. Per il 41enne, incensurato, è scattata una denuncia a piede libero con l’accusa di violazione del divieto di sorvolo. Il drone, il radiocomando e la scheda di memoria sono state invece sequestrate dai militari dell'Arma.

Il precedente: un altro drone sequestrato a fine agosto, stava sorvolando il Pantheon.

È la seconda volta in pochi giorni che i carabinieri intervengono per sequestrare un drone in volo in un'area proibita. Lo scorso 27 agosto, infatti, un episodio analogo era avvenuto nei pressi di piazza del Pantheon. In quella occasione, a essere denunciato a piede libero era stato un turista statunitense di 37 anni, che aveva violato i divieti facendo alzare in volo il proprio quadricottero radiocomandato per scattare fotografie dall'alto al Pantheon.

Piazza Pio XII è davanti a piazza San Pietro.